Consigli per l’Anti-aging tra i 40 ed i 50 anni

0
502
trattamento anti rughe donna a 50 anni

Tra la quarta e la quinta decade di vita i segni del Crono e Photo-aging tendono a manifestarsi in forma più accentuata, anche se con una certa variabilità da persona a persona (in relazione al tipo di pelle, lavoro, luogo in cui si vive, esposizione al sole ed al fumo di segaretta, cura della pelle negli anni precedenti):

  • pelle disidratata, spenta, inspessitta in alcune aree,
  • rugosità più marcate al contorno occhi (zampe di gallina), ai lati della bocca (rughe naso-geniene, mento-labiali), al labbro superiore (codice a barre), tra le sopracciglia (rughe glabellari), al collo.
  • macchie cutanee e capillari nelle aree fotoesposte (guance, aree zigomatiche, fronte, dorso e lati del naso, decolletè, dorso delle mani.
  • ovale del viso meno definito ed ulteriore spostamento dei volumi del viso verso il basso.

E’ di fondamentale importanza, pertanto, impostare una corretta skincare-routine volta a correggere questi dei segni di invecchiamento ed a prevenirne l’aggravamento negli anni a venire.

detersione
detersione
La detersione ha come finalità quella di rimuovere qualunque residuo (sebo, trucco, polveri, detriti di cellule cornee) dalla superficie cutanea e consentire una migliore penetrazione delle sostanze che verranno applicate negli steps successivi della skincare-routine.

La detersione deve essere accurata e mai aggressiva per lo strato corneo dell’epidermide, che ci protegge da aggressori ambientali, fisici e chimici.

Bisogna scegliere dei detergenti su misura del proprio tipo di pelle:

  • pelli sensibili necessitano di detergenti estremamente dolci, che non producano ulteriore irritazione su una cute già molto delicata.
  • pelli a tendenza seborroica possono impiegare detergenti più aggressivi, a base di acidi (in genere acido glicolico) a basse concentrazioni, al fine di ottenere un efficace rimozione del sebo in eccesso.
  • Il consiglio è quello di detergere la pelle al mattino ed alla sera, prima di applicare i prodotti che impieghiamo nella nostra skincare-routine quotidiana, al fine di consentirne una migliore penetrazione e quindi un azione più efficace.

Nella fascia d’età che va dai 40 ai 50 anni può essere di ulteriore supporto utilizzare, per soggetti che non abbiano una cute particolarmente sensibile, un detergente con una bassa percentuale di idrossi-acidi, in genere acido glicolico, quotidianamente per soggetti con pelle a tendenza seborroica e 2-3 volte a settimana per soggetti con cute normale, al fine di produrre un maggior rinnovamento dell’epidermide migliorandone tono, luminosità e riducendone le macchie eventualmente presenti.

correggere la pelle
correzione
In questa fascia d’età è indispensabile utilizzare almeno due prodotti con azione correttiva verso i danni alla pelle dovuti al Crono ed al Photo-aging.

Ancora una volta si ribadisce come l’entità del danno cutaneo varii da persona a persona a seconda di fattori costituzionali ed ambientali (fototipo cutaneo, area in cui si vive, tipo di lavoro, eventuali scottature in età infantile, ecc).

Un giusto approccio può essere quello di impiegare due prodotti più un terzo opzionale (a seconda del budget a disposizione):

  1. Antiossidante, al mattino (crema o siero)
  2. Retinolo, la sera (crema o gel)
  3. (opzionale): siero ricco in fattori di crescita e peptidi

 

Gli antiossidanti, ed in particolare la Vit C ed E, ed il coenzima Q-10 sono molecole in grado di ridurre o bloccare l’azione dannosa esercitata sulla nostra pelle dai radicali liberi.

I radicali liberi sono in grado di provocare danno cellulare (stress ossidativo) ed infiammazione che esita infine in un processo di invecchiamento cutaneo.

Qualsiasi sostanza in grado di bloccarne l’azione prende il nome di anti-ossidante.

Il loro impiego non da irritazione e pertanto possono essere impiegati su ogni tipo di pelle.

Sono disponibili in creme o sieri a seconda se vengano applicate su cute secca (in questo caso sono da preferire le creme) o su cute normale o mista (in questo caso i sieri sono da preferire).

 

Il Retinolo (derivato della vitamina A) è uno dei prodotti anti-aging più efficaci nel contrastare i segni sia del crono che del photo-aging.

Su pelli particolarmente sensibili può dare irritazione e pertanto ne è consigliato l’uso a giorni alterni o 2 applicazioni a settimana.

Sono disponibili in crema (da preferire per pelli secche) o gel (da preferire per pelli normali o miste).

Va applicato solo la sera perché la luce lo rende inattivo.

 

I Fattori di Crescita

Sono sostanze in grado di stimolare l’azione dei fibroblasti, le cellule responsabili della produzione di collagene, fibre elastiche, acido ialuronico.

L’abbondanza di queste molecole è tipica delle pelli giovani, mentre la loro concentrazione diminuisce drasticamente con l’avanzare degli anni.

La loro presenza dona turgore, elasticità, volume e luminosità della pelle.

La teoria è che addizionando fattori di crescita si riesca a stimolare i fibroblasti a produrre nuovo collagene, nuove fibre elastiche ed acido ialuronico anche in pelli non più giovani.

Sono disponibili in sieri e lozioni.

Il loro impiego non da irritazione.

Sono gravati da un costo spesso importante e la quantità di pubblicazioni scientifiche che  li riguarda, al momento, è minore rispetto al retinolo ed antiossidanti, percui il consiglio è quello di utilizzarli come terza scelta (dopo retinolo ed antiossidanti).

Vanno impiegati al mattino ed alla sera come primo strato subito dopo il detergente.

idratare la pelle
idratazione
Nella quarta-quinta decade di vita la quota in acqua della pelle tende drasticamente a ridursi, soprattutto a causa di un deficit di quei meccanismi di barriera atti a mantenere costante il livello di idratazione della cute.

Un idratante di buona qualità va pertanto applicato quotidianamente allo scopo di reintegrare la quota d’acqua che viene persa (T.E.W.L., ovvero Trans Epidermal Water Loss), migliorare l’aspetto generale della pelle, ridurre la profondità delle rughe presenti e prevenire l’insorgenza di nuove, soprattutto in soggetti con cute secca che hanno una maggior tendenza alla formazione di rugosità.

  • Per pelli normali è consigliabile una lozione o una crema leggera.
  • Per pelli a tendenza mista-seborroica, caratterizzate da una minore tendenza alla disidratazione, è meglio utilizzare un idratante in gel (in grado di apportare acqua alla pelle ma non aumentarne la componente oleosa), magari non applicandolo nella T-zone (area per definizione più grassa).
  • Per pelli secche è indicata una crema più ricca (maggior componente in olii pesanti) che può essere applicata anche più volte durante la giornata.

Utilizzare un idratane specifico (non lo steso prodotto impiegato per il volto) anche nell’area perioculare ed al collo, zone per definizione meno ricche in ghiandole sebacee e per questo più soggette a disidratazione ed invecchiamento precoce con formazione di rugosità.

correggere la pelle
protezione
E’ una fase importante della skincare routine anche in questa fascia d’età, al fine di conservare una cute bella ed in buona salute per gli anni a venire.

I raggi ultravioletti (UVB ed UVA), infatti, sono in grado di danneggiare le cellule che compongono la nostra pelle e portare all’insorgenza di macchie, rughe, capillari e persino tumori della pelle.

Proteggere la pelle dai raggi ultravioletti evita o minimizza l’insorgenza di tutti questi inestetismi, soprattutto in persone con cute ed occhi chiari, maggiormente soggetti al danno solare.

Il consiglio, pertanto, è quello di utilizzare un filtro solare con almeno un SPF 30 durante tutto l’anno, di ottima qualità e che contenga al suo interno un filtro fisico (ossido di zinco) in grado di bloccare i raggi UVA, estremamente dannosi per la nostra pelle.

Bisogna scegliere prodotti che si addicano a ciascun tipo di pelle: – Per pelli normali è indicata un filtro solare in crema dalla texture leggera.- Per pelli miste-grasse è indicata un filtro solare in gel, polvere o lozione molto leggera.- Per pelli secche è invece da preferire una protezione solare in crema più ricca, che possa apportare un ulteriore quota di agenti idratanti. Infine, oggigiorno sono disponibili anche make-up con filtro fisico al proprio interno, l’importante è scegliere prodotti certificati e di ottima qualità.

SKINCARE ROUTINE A 40-50 ANNI

Mattino: 4 Steps + 1 opzionale

  1. Detergi il viso con un detergente non schiumogeno adatto al tuo tipo di pelle.
  2. Correggi i segni dell’aging con un antiossidante in crema o siero, in base al tuo tipo di pelle.
  3. Idrata il viso con un prodotto in crema, gel o lozione specifico per il tuo tipo di pelle (normale, mista-grassa, secca).

Contorno occhi specifico, per combattere le rughe perioculari (zampe di gallina).

Collo e decolletè: impiega un idratante specifico e più ricco rispetto a quello per il volto al fine di migliorare l’aspetto di queste aree molto soggette all’aging.

  1. Proteggi la tua pelle dai raggi UV applicando 365 giorni all’anno un filtro solare con almeno un SPF30+, specifico per il tuo tipo di pelle.

Opzionale: l’impiego di un siero ai fattori di crescita da applicare come primo strato subito dopo la detersione.

 

Sera: 3 steps + 1 opzionale

  1. Detergi il viso con lo stesso detergente del mattino.
  2. Correggi i segni dell’aging con una crema o siero al retinolo.
  3. Idrata la pelle del volto con lo stesso prodotto utilizzato al mattino.

Contorno occhi specifico, per combattere le rughe perioculari (zampe di gallina).

Collo e decolletè: impiega lo stesso prodotto utilizzato al mattino.

Opzionale: l’impiego di un siero ai fattori di crescita da applicare come primo strato subito dopo la detersione. In caso di utilizzo vanno impiegati a sere alterne con la crema al retinolo (step 2 correzione).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui