effetti collaterali da epilazione laser

0
1174
epilazione laser

La crescita dei peli superflui è un problema molto comune sia per gli uomini che per le donne.

Al giorno d’oggi si ricorre ai trattamenti di epilazione laser non solo per alcune condizioni patologiche (irsutismo ed ipertricosi), ma anche per motivi estetici in persone con una crescita pilifera normale.

Sorgenti laser hanno oramai sostituito, grazie alla loro azione progressivamente definitiva ed al maggior profilo di sicurezza, trattamenti tradizionali e temporanei, quali rasatura, depilazione meccanica (depilatore elettrico), depilazione a strappo (ceretta), creme depilatorie e l’elettrolisi.

 

Come appare la mia pelle dopo una seduta di Epilazione laser?

Dopo una seduta di epilazione laser

  • Rossore (eritema), e
  • Lieve gonfiore locale (edema),
    devono sempre essere previsti, tuttavia la loro durata è comunque breve (qualche ora) e risentono positivamente del raffreddamento e del possibile uso di prodotti ad azione lenitiva ed idratante per applicazione locale.

In alcuni casi possono formarsi

  • Rade crosticine nel post trattamento, generalmente della durata di 2-4 giorni.

Questo genere di reazioni è normale e rappresenta il segno di un trattamento eseguito con giusti livelli di energia, tale da risultare efficace.

 

I possibili effetti collaterali

Le metodiche di epilazione laser, se non utilizzate da personale medico qualificato, possono essere causa di sgradevoli ed in alcuni casi permanenti effetti collaterali:

  • l’iperpigmentazione, ovvero un aspetto scuro, come macchiato, delle aree trattate che persiste per lungo tempo. Ha in genere carattere transitorio ed è il segno di un trattamento eseguito con livelli non idonei di energia.
  • L’ipopigmentazione: l’area trattata appare biancastra, più chiara rispetto alla pelle circostante e perde la capacità di abbronzarsi. E’ una sequela in genere difficilmente risolvibile e pertanto permanente.

Più di rado possono svilupparsi:

  • cicatrici patologiche atrofiche o ipertrofiche:
    soprattutto quando i parametri di trattamento impiegati non sono stati congrui, non si è scelta la giusta sorgente laser in relazione alle caratteristiche del paziente o quando non si è provveduto ad attuare un rapido raffreddamento con impacchi e creme lenitive dell’area trattata.

 

Quando è rischioso eseguire l’Epilazione laser?

Al fine di minimizzare l’insorgenza di effetti collaterali e proporre trattamenti il più performanti possibili bisogna valutare:

  • l’abbronzatura
    anche se oggi molte piattaforme laser presentano trattamenti possibili e sicuri su ogni tipo di pelle e in tutte le stagioni dell’anno, ricordiamo che i trattamenti eseguiti su pelli abbronzate risultano comunque più rischiosi e meno performanti. E’ pertanto sconsigliato trattare pelli abbronzate in considerazione dell’elevato rischio di possibili effetti collaterali.
  • il fototipo del paziente
    persone con un colorito scuro di pelle (ma non abbronzati) possono essere comunque trattati. Bisogna tuttavia prestare particolare attenzione nei fototipi scuri e scegliere laser con lunghezze d’onda più opportune;

• la presenza di nei e tatuaggi sulle aree interessate dal trattamento.
Se è ormai dimostrato che un neo benigno non può essere trasformato in maligno dalla luce laser è certo che nessun tipo di laser per l’epilazione può essere utilizzato su un area con tatuaggio senza dar luogo ad ustione con conseguente alto rischio di una cicatrice patologica.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui